Fauna Siciliana

La Vipera Aspis

Salve cari amici di Rubrica Sicilia! Sapevate che nella nostra regione esistono anche serpenti velenosi?

Scopriamo insieme di quale animale stiamo parlando.

Sul territorio siciliano sono presenti circa sette specie di serpenti la maggior parte delle quali non velenose. Si tratta di ofidi appartenenti quasi tutti alla famiglia dei colubridi. L’unico serpente velenoso della Sicilia, invece, è la Vipera Aspis appartenente alla famiglia dei viperidi. Misura mediamente sui 60/80 centimetri ed ha abitudini prettamente crepuscolari. Il corpo è tozzo con la testa triangolare e ben distinta, con il muso all’insù e gli occhi grandi con pupilla verticale. Altra cosa che la contraddistingue dai colubri è la netta distinzione fra corpo e coda.

Questo serpente presenta una notevole diversità di colore. Nella medesima popolazione di Vipera aspis è possibile vedere individui con una livrea di fondo marrone, marrone-rossiccia, grigia, giallognola o totalmente nera. Alcune volte viene anche scambiata con la biscia dal collare, completamente innocua per l’uomo, a causa della simile livrea, ma se si fa attenzione, anche in base alle caratteristiche fisionomiche citate sopra, è completamente diversa.

Per un occhio poco esperto è difficile avvistarla anche a causa del suo stile sedentario. Infatti, la vipera rimane quasi sempre ferma in un anfratto in attesa che la presa le passi davanti. Il territorio in cui le vipere vivono è costituito da erbe alte, prati, zone collinari e boschi. È possibile trovare le vipere su pietraie, cumuli di pietre o mucchi d’erba nelle ore mattutine, quando esce per riscaldarsi al sole. È proprio in quel momento della giornata che la vipera, essendo più lenta nei movimenti, sarà più in pericolo e piuttosto che scappare tenderà a difendersi con il fatidico morso.

vipera aspis
Foto di Dani Egli da Pixabay

Tenderei a precisare, infatti, che la vipera, solitamente alla vista dell’uomo, tende a scappare, essa morde solo se si sente minacciata. Il suo veleno è molto attivo nei confronti dei piccoli animali, dal momento che contiene sia neurotossine che emotossine. Tuttavia Il morso di vipera difficilmente è letale per l’uomo adulto; può invece rappresentare un serio problema per i bambini (a causa della massa corporea limitata) e per le persone con cardiopatie e malattie debilitanti.

Il veleno prodotto da Vipera aspis è potente, tuttavia la quantità secreta è molto ridotta (circa 8–20 mg) e la dose letale per un uomo adulto è di 40–100 mg. Non sono inusuali i cosiddetti “morsi a secco”, non essendo l’uomo una preda della vipera e considerato che il veleno è un mezzo fondamentale di caccia e sopravvivenza dell’ofide, la vipera tende a conservarlo. Inoltre essa può regolare la quantità di veleno da iniettare.

Mi rivolgo soprattutto a quelle persone che amano fare passeggiate all’aria aperta; se doveste avvistare questo meraviglioso animale non fategli del male, perché ripeto che se lasciato tranquillo, lui non ne farà a voi.

Davide Farruggia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *